Da vedere

Da vedere
da vedere
 ARRIVO
   PARTENZA
 
Prenotazioni last minute Hotel scontati a bolsenaonline
Monumenti
La chiesa di Santa Cristina
Percorrendo la via Cassia, si fermò a pernottare nella chiesa di Santa Cristina a Bolsena. Il ricordo della martire Cristina, la cui fede non aveva vacillato di fronte all'estremo sacrificio del martirio, turbò nuovamente il sacerdote e, il giorno dopo, chiese di celebrare messa nella chiesa. Di nuovo tornò l'incertezza di quello che stava facendo; pregò intensamente la santa perché intercedesse presso Dio affinché anche lui potesse avere quella fortezza d'animo e quell'estremo abbandono che Dio dona a chi si affida a lui.

Durante la celebrazione, dopo la consacrazione, alla frazione dell'Ostia, sarebbe apparso ai suoi occhi un "prodigio" al quale da principio non voleva credere: l'Ostia che teneva tra le mani era diventata carne da cui stillava miracolosamente abbondante sangue. Impaurito e confuso ma, nello stesso tempo, pieno di gioia, cercò di nascondere ai presenti quello che stava avvenendo: concluse la celebrazione, avvolse tutto nel corporale di lino usato per la purificazione del calice che si macchiò immediatamente di sangue e fuggì verso la sacrestia. Durante il tragitto alcune gocce di sangue sarebbero cadute anche sul marmo del pavimento e sui gradini dell'altare.

All'interno della Chiesa cattolica si parla del miracolo di Bolsena (o miracolo eucaristico di Bolsena), che sarebbe avvenuto nel 1263, nell'omonima cittadina in provincia di Viterbo. Da tale "miracolo" ha avuto origine la festa cattolica del Corpus Domini e fu costruito il Duomo di Orvieto, dove è conservato il cosiddetto corporale.

Chiesa di S.Francesco
La chiesa di S.Francesco ( sec. XIII ), di stile gotico e ad un'unica navata, non è più adibita al culto ed è stata trasformata in un grande auditorium e teatro comunale.

Rocca di Bolsena
Le prime notizie sulla Rocca Monaldeschi della Cervara risalgono al 1156 quando Adriano IV, in vista delle incursioni del Barbarossa, fece fortificare i centri sulla via Cassia.
La Rocca di Bolsena offre un incantevole panorama del lago e dell'intera città, la sua costruzione risale al 1295 ad opera degli Orvietani, che in quel periodo avevano in possesso Bolsena.

Museo Territoriale
La rocca Monaldeschi della Cervara ospita il Museo Territoriale del lago di Bolsena, interessante per l’inquadramento che offre del comprensorio del lago e per alcune testimonianze della cultura materiale.

Il museo si distribuisce su tre piani dell’edificio: al piano d’ingresso, attraverso plastici reperti archeologici e pannelli didattici, sono sviluppate con particolare dettaglio le sezioni riguardanti la formazione del bacino vulcanico del lago, la preistoria, la protostoria e la fase etrusca fino alla conquista romana. La parte centrale di questo piano è costituita dai reperti rinvenuti nell’ambito dell’età del ferro del “Gran Carro”, rinvenuto sommerso presso la sponda orientale del lago di Bolsena nel 1959. Il piano superiore è interamente dedicato ai reperti provenienti dagli scavi della città etrusco - romana di Volsinii.Al piano inferiore è illustrato il periodo che va dal Medioevo ai giorni nostri. In questo piano l’esposizione si apre con la splendide ceramiche medioevali e rinascimentali trovate nel butto della torre maggiore della Rocca e prosegue con la presentazione degli aspetti folcloristici (tradizioni popolari e festività religiose), con particolare riguardo al lavoro dei pescatori, illustrato attraverso l’esposizioni di oggetti, attrezzi e pannelli illustrativi delle tecniche di pesca nonché dei pesci e dell’ambiente naturale del lago. Nel cortile esterno è allestito un lapidario dove sono esposte numerose are e cippi funerari di epoca romana.

Santuario Giglioè Il santuario maritimodel Giglioè un complesso del sec. XVIII costituito dal convento fondato dai Frati Minori Osservanti e dalla chiesa dedicata a Maria S.S. del Giglio, ad unica navata, come vuole la regola francescana.

Resti della città etrusco-romana di Volsinii
I resti della città etrusco-romana di Volsinii sono venuti alla luce nei pressi della Rocca Monaldeschi. Sono circondati da un imponente muro di difesa lungo più di 4 km. costruito con grossi conci parallelepipedi di tufo. Sui colli circostanti si sviluppano varie necropoli costituite da tombe a camera e a fossa, databili tra il III sec. a.C. ed il IV secolo d.C. e note soprattutto nelle località di Poggio Sala , Ospedaletto, Vietana, Pantanesca, Gazzetta Piazzano.



Natura
Lago di Bolsena
Il lago di Bolsena è un lago dell'Italia centrale formatosi oltre 300.000 anni or sono in seguito al collasso calderico di alcuni vulcani appartenenti alla catena dei monti Vulsini. Ha una forma ovale, tipica per la sua origine, ha due isole e un fiume emissario. Ha un'area totale di 113,5 km² (quinto in Italia), si trova a 305 m s.l.m., ha una profondità massima di 151 m e una profondità media di 81 m. E' considerato il più grande lago d'origine vulcanica d'Europa. Si trova interamente nel territorio della provincia di Viterbo e precisamente nella parte a Nord, detta Alta Tuscia. Per una parte considerevole è lambito dalla strada consolare Cassia. Numerosi sono gli insediamenti turistici, con particolare propensione per il turismo a contatto con la natura.

Isola Bisentina
L’isola con le sette cappelle. Un tempo proprietà della chiesa poi, nel periodo della famiglia Farnese, residenza estiva dei papi. L’isola è oggi un paradiso naturale con un meraviglioso giardino all’italiana creato da Giovanni Fieschi Ravaschieri del Drago. Rimangono tuttora testimonianze ben conservate di quell’epoca piena di storia. Oggi è proprietà privata può essere visitata con percorsi guidati di circa un’ora.

Roma Hotel Venezia Hotel Firenze Hotel Milano Hotel

Roma

Caput Mundi, città eterna, questi sono solo alcuni degli aggettivi che si sprecano, per questa città fatta di storia. Soggiorno consigliato da 3 a 5 giorni

Venezia

La città lagunare è una delle mete turistiche d'elite più famose e particolari del mondo. Romantica e raffinata ospita strutture ricettive di altissimo livello

Firenze

Città dell'arte per eccellenza., il miglior modo per visitare Firenze è lasciarsi trasportare senza fretta dal fascino e dalla bellezza delle sue opere. Consigliati 2 week-end

Milano

Considerata da tutti la capitale d'Italia per l'economia e gli affari, riserva altresì molti lati nascosti per il turista attento. Oltre 400 hotel.
bolsenaonline.it - Copyright 2008